Pasqua 2021

Buona Pasqua 2021

Carissimi,

a conclusione del tempo quaresimale siamo ormai prossimi alla Pasqua, Domenica di Risurrezione di nostro Signore, il giorno della Speranza, più grande della morte, e della vita terrena. Cristo risorto annuncia che la nostra esistenza avrà compimento nella beatitudine eterna. Accogliamo di nuovo questa Luce perché rischiari le nostre tenebre e ci liberi dalle paure che paralizzano la nostra vita.

Oggi abbiamo bisogno della Buona Novella, del Vangelo, per superare il tempo della tribolazione. Non è la prima volta che la Chiesa affronta la situazione dell’epidemia lungo i secoli della sua esistenza e in diversi luoghi del mondo. Non ci sorprende che arrivino questi eventi negativi che sconvolgono le vite umane, visto che Gesù ha detto: “e vi saranno di luogo in luogo terremoti, carestie e pestilenze” (Lc 21,11). I discepoli non osano chiedere al Signore perché succedono i cataclismi e le avversità di ogni genere. Si ricordano bene che il Maestro li ha istruiti annunciando: “quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io” (Gv 14,3). Gesù risorto prepara un posto dove non esistono più pericoli, ne morte, ne malattia. In questa vita invece dobbiamo sostenerci a vicenda, portando i pesi gli uni degli altri, aiutando i piccoli, gli anziani, i disagiati. Le occasioni, come si vede, non mancano, per esercitare la nostra carità o offrire il nostro servizio. Come ha scritto papa Francesco nell’ultima enciclica “Fratelli tutti”, questo tempo richiede una nuova disponibilità all’amore fraterno, alla tenerezza, alla fantasia del bene. Tutti abbiamo davanti ai nostri occhi migliaia di persone che spendono le proprie energie offrendo il contributo di un servizio prezioso, spesso come volontari, fuori dagli orari del lavoro. Si fanno prossimo dei fratelli bisognosi silenziosamente, senza chiedere nulla in cambio. Dio ama chi dona con gioia, in modo disinteressato. Con l’aiuto di Dio potremo vincere la pandemia dell’egoismo e dell’indifferenza. La morte in croce e la risurrezione del Figlio di Dio (che è profondamente il Figlio dell’uomo, perciò conosce perfettamente il nostro dolore) danno senso alla nostra vita, alla nostra fatica, al nostro impegno.

Ringrazio ancora, tutti i nostri parrocchiani impegnati in tanti servizi nella nostra parrocchia, tutti coloro che sostengono con le offerte la nostra Chiesa, e soprattutto chi prega continuamente per la nostra comunità parrocchiale perché sia una testimonianza concreta della presenza di Cristo risorto e del suo amore.

Non abbiamo potuto visitare le famiglie con la tradizionale benedizione pasquale. Forse più avanti sarà possibile – su richiesta della famiglia – pregare insieme e benedire le case e quanti ci abitano. Ce lo auguriamo tutti.

Buona Pasqua a tutti! Cristo risorto rianimi i nostri cuori, incoraggi gli affranti, illumini i dubbiosi e accresca la nostra fantasia nella carità.

                                                                                                        Don Boguslaw

(Calendario pasquale trovi qui)

2021 anno di San Giuseppe

Stiamo vivendo un tempo molto complesso, gli animi di ognuno di noi sono impauriti e pieni di domande su quale futuro ci attende, è difficile fare ogni cosa e ancor di più vivere la comunità. Crediamo che lo Spirito Santo sappia ispirare i nostri cuori in ogni tempo, accogliamo quindi con entusiasmo l’indizione dell’anno speciale di San Giuseppe da parte del nostro amato Papa Francesco l’8 dicembre 2020.

San Giuseppe, dichiarato Patrono della Chiesa Cattolica l’8 dicembre 1771 da Pio IX, sarà il nostro faro in questo anno per guidarci sui modi e i tempi per custodire la nostra comunità parrocchiale e la chiesa tutta, così come lui ha custodito la Sacra Famiglia.

Come Parrocchia dedicheremo a San Giuseppe il 19 del mese da Gennaio a Giugno.

Ci ritroviamo, come Parrocchia e come Chiesa, intorno a Gesù Eucarestia, per adorarlo, guidati dall’esempio di San Giuseppe. Ogni 19 del mese dalle 15 alle 19 Adorazione Eucaristica personale intramezzata da brevi momenti di preghiera e canto, la preghiera si conclude con la messa delle ore 19. Siamo felici di accogliere chiunque voglia unirsi a noi nella preghiera. Gli appuntamenti saranno:

19 gennaio (martedì);
19 febbraio (venerdì);
19 marzo (venerdì);
19 aprile (lunedì);
19 maggio ((mercoledì);
19 giugno (sabato);

qui la locandina.

qui guida 19 gennaio 2021.;
qui guida 19 febbraio 2021;
qui guida 19 Marzo 2021;
qui guida 19 Aprile 2021;
qui guida 19 Maggio 2021;

Natale 2020

Bòun San Nadèl

            Il tempo presente ci stimola ad una responsabilità maggiore all’interno della nostra società. Il contagio su vasta scala, in diversi casi mortale, ha cambiato il nostro comportamento. Tante persone si sono generosamente mobilitate per salvare le vite umane e per fermare la diffusione della malattia. Abbiamo visto tanti medici e tanti operatori sanitari, il personale delle strutture per gli anziani, le forze dell’ordine, i componenti delle varie associazioni di volontariato, le persone impegnate nelle strutture logistiche e nell’ amministrazione locale offrire il proprio supporto con un senso di grande, spesso eroica responsabilità. Questi esempi ci spronano verso una solidarietà maggiore; tutti possiamo, anche con piccoli gesti quotidiani, recare un vero aiuto al prossimo. Anche nella nostra realtà parrocchiale non mancano i fedeli che affrontano situazioni di necessità con esemplare dedizione. Il mio ringraziamento ai volontari, che spinti dall’amore e dalla fede, si offrono per i servizi di pulizie e di igienizzazione degli ambienti, o per il mantenimento dell’ordine durante le celebrazioni. La mia riconoscenza ai catechisti, ai volontari della Caritas parrocchiale, al servizio liturgico e musicale e a tutti i fedeli che sostengono con la preghiera, ed anche con le loro offerte, la nostra Parrocchia. Questi gesti concreti non solo permettono lo svolgimento delle attività parrocchiali, ma, in più, ci edificano e ci confortano.

            Per la prima volta quest’anno, nel periodo natalizio, viene colpito il settore commerciale, insieme a quello turistico. Forse questa limitazione ci permetterà maggiormente di cercare (e trovare) la gioia non tanto nel consumismo, quanto nel contatto autentico con il Figlio di Dio, realmente incarnato e presente nella nostra vita. Forse finalmente potrà arrivare con più forza ai nostri cuori il messaggio che Cristo è già in mezzo a noi. Ogni occasione è buona per una riflessione personale o familiare sul senso della propria esistenza, che proviene dal mistero del presepe – Dio è con noi, e condivide la nostra condizione umana di sofferenza e di precarietà.

            Tutti percepiamo che questo Santo Natale sarà diverso dal solito. Tanti mancheranno al tradizionale pranzo natalizio, perché sono mancati agli affetti dei loro cari; altri sono bloccati lontano dalla famiglia: altri ancora devono rispettare i limiti imposti dalle restrizioni anticontagio. In ogni caso non mancherà l’amore e la gioia che Cristo ci offre gratuitamente. La Sua presenza misteriosa, ma reale nei fratelli che si riuniscono nel suo nome, ci svela che il senso della vita è l’amore. Se lo comprendiamo e cominciamo a vivere questa Buona Notizia, la nostra esistenza sarà illuminata, sarà gioiosa e piena di pace. San Giovanni Maria Vianney ripeteva ai fedeli: “Questo è il bel compito dell’uomo: pregare ed amare. Se voi pregate ed amate, ecco, questa è la felicità dell’uomo sulla terra.”

Auguro a tutti voi e a me stesso di proseguire con gioia lungo questo cammino di santificazione.

Pace e gioia a tutte le famiglie, alle persone sole e anziane. Gesù Bambino consoli tutti i malati e gli sfiduciati. Il Santo Natale sia l’occasione propizia per la riconciliazione e per la comunione piena tra le persone. Solo così potremo entrare nel Nuovo Anno 2021 con la benedizione e la grazia del Signore.

            Don Boguslaw

Qui puoi scaricare il pdf.

Festa dell’Immacolata 2020

In questo tempo difficile, vogliamo affidarci a Maria.

In occasione della festa dell’Immacolata ci troveremo in chiesa alle 18 per un momento di preghiera comunitaria:
recita del Santo Rosario
– atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria
– Esposizione del Santissimo e Vespri solenni

Siamo tutti invitati!

Qui trovi i testi dell’incontro di preghiera
Qui trovi l’Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria